AGGRAVANTE DELL’UTILIZZO DEL METODO MAFIOSO – ESISTENZA DELL’ASSOCIAZIONE A DELINQUERE – VIOLENZA E MINACCIA CON VESTE TIPICAMENTE MAFIOSO Corte di Cassazione, quinta sezione penale, sentenza n. 6764 del 13 novembre 2019, depositata in data 20 febbraio 2020

26.02.2020

La quinta sezione penale Corte di Cassazione, con la sentenza n. 6764 del 13 novembre 2019, depositata in data 20 febbraio 2020 nella fattispecie  della violenta aggressione di un giornalista che stava effettuando un‘intervista nei pressi di una palestra, ha affermato che per la configurabilità dell’aggravante del “metodo mafioso”, prevista dall’art. 7 d.l. 13 maggio 1991, n. 152 (conv. in legge 12 luglio 1991, n. 203) non sia necessario che sia stata o dimostrata o contestata l’esistenza di un’associazione per delinquere, essendo sufficiente che la violenza o minaccia assumano veste tipicamente mafiosa con comportamenti relativi.



Scarica documento