Art. 155-quinquies. – Accesso alle banche dati tramite i gestori

15.02.2017

Quando le strutture tecnologiche, necessarie a consentire l’accesso diretto da parte dell’ufficiale giudiziario alle banche dati di cui all’art. 492-bis del codice e a quelle individuate con il decreto di cui all’art. 155-quater, primo comma, non sono funzionanti, il creditore, previa autorizzazione a norma dell’art. 492-bis, primo comma, del codice, può ottenere dai gestori delle banche dati previste dal predetto articolo e dall’art. 155-quater di queste disposizioni le informazioni nelle stesse contenute.
La disposizione di cui al primo comma si applica, limitatamente a ciascuna delle banche dati comprese nell’anagrafe tributaria, ivi incluso l’archivio dei rapporti finanziari, nonché a quelle degli enti previdenziali, sino all’inserimento di ognuna di esse nell’elenco di cui all’art. 155-quater, primo comma.