Come attivare i servizi di ricezione e conservazione delle fatture
elettroniche presso l’Agenzia delle Entrate

La modalità più semplice per ricevere e conservare le fatture elettroniche è quello di avvalersi del servizio messo gratuitamente a disposizione dell’Agenzia delle Entrate all’indirizzo https://ivaservizi.agenziaentrate.gov.it/portale/ raggiunto il quale si apre una pagina denominata Fatture e corrispettivi alla quale si può accedere – come mostrato nella figura allegata – in tre differenti modalità:
1) Inserendo il proprio codice fiscale, la password ed il PIN del proprio cassetto fiscale
2) Utilizzando il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID)
3) Con la Carta Nazionale dei Servizi (CNS) per chi ne fosse in possesso

 

1

Avuto accesso al sito si apre la pagina con la scelta dei servizi, come mostrato in figura all’interno della quale è possibile selezionare le seguenti voci:

2

Registrazione dell’indirizzo telematico: per indicare l’indirizzo p.e.c. dove ricevere tutte le fatture elettroniche passive. Occorrerà semplicemente inserire due volte l’indirizzo di posta elettronica certificata sul quale si vogliono ricevere le fatture passive emesse; terminata l’operazione sarà anche possibile generare il QR Code tramite il quale si potranno i fornitori potranno acquisire in automatico i dati necessari all’emissione del documento.

3

 

Fatturazione elettronica: per sottoscrivere l’abbonamento gratuito al servizio di conservazione a norma delle fatture attive inviate e di quelle passive ricevute.

 4

IMPORTANTE: A seguito delle osservazioni fatte dal Garante per la Protezione dei dati personali è previsto un periodo di funzionamento transitorio del servizio di conservazione delle fatture dal 1° gennaio al 3 maggio 2019 nel quale l’Agenzia conserverà tutti i documenti ricevuti/inviati da tutti i soggetti che si avvarranno del servizio di trasmissione delle fatture elettroniche. Successivamente a tale data verranno cancellati tutti i documenti appartenenti ai soggetti che non avranno attivato il servizio volontario di conservazione a norma delle fatture tramite l’Agenzia delle entrate.
Complessivamente i servizi dell’Agenzia consentono di generare, inviare e conservare le fatture emesse. Per gli utilizzatori dell’Agenda Legale Elettronica, il ciclo di emissione del documento così come quello di spedizione, viene gestito direttamente dal software.

 

Indice delle guide rapide ai servizi

 

Come si impostano i parametri dell’Agenda Legale Elettronica per la fatturazione elettronica

Emissione di fatture dalla sezione Pratiche

Emissione di fatture dalla sezione Rubrica

Emissione di fatture dal Pannello Fatture