AVVOCATI – RICORSO DINANZI AL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE – RIMESSIONE IN TERMINI – IMPUGNAZIONE TARDIVA – CONDIZIONE REDDITUALE – INGIUSTIFICABILITA’ – Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 24739 pubblicata in data 5 dicembre 2016

09.12.2016

Le Sezioni Unite civili della Corte di Cassazione  con la sentenza n. 24739 pubblicata in data 5 dicembre 2016 hanno affermato che non giustifica l’impugnazione tardiva l’asserita condizione reddituale precaria, in particolare quando non vengano provate le motivazioni di tali difficoltà ovvero la causa di forza maggiore o caso fortuito . Nella fattispecie  l’avvocato aveva proposto appello tardivo al C.N.F. adducendo le difficoltà economiche  

 



Scarica documento