AVVOCATI – SENTENZA NOTIFICATA PRESSO IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE – NULLITA’ – DOMICILIO DIGITALE – EVENTUALE INACESSIBILITA’ PEC PER CAUSA IMPUTABILE AL DESTINATARIO – Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 19526 del 23 luglio 2018

26.07.2018

Le Sezioni Unite civili della Corte di Cassazione con la sentenza n. 19526 del 23 luglio 2018  ha accolto il rilievo svolto dal ricorrente con cui veniva denunciata la nullità della notificazione della sentenza impugnata in quanto effettuata presso il Consiglio nazionale forense e non presso il suo domicilio ovvero al suo indirizzo di posta elettronica certificata. La Suprema Corte ha infatti precisato che con l’introduzione del domicilio digitale, corrispondente all’indirizzo pec che ogni avvocato comunica al Consiglio del’ordine di appartenenza non è più possibile effettuare le comunicazioni o le notificazioni presso la cancelleria dell’Ufficio procedente a meno di un’inaccessibilità per causa imputabile al destinatario e che tale principio previsto per il processo civile debba essere esteso al procedimento presso il CNF  



Scarica documento