CIRCOLAZIONE STRADALE (NUOVO CODICE) – NORME DI COMPORTAMENTO – SOSTITUZIONE DELLA PENA CON IL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ – PRESUPPOSTI –MANCATA OPPOSIZIONE DELL’IMPUTATO – ADESIONE ESPRESSA DEL DIFENSORE – PROCURA SPECIALE – Corte di Cassazione, prima sezione penale, sentenza n. 58485 del 10 ottobre 2018, depositata in data 28 dicembre 2018

04.01.2019

La prima sezione penale della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 58485 del 10 ottobre 2018, depositata in data 28 dicembre 2018, in riferimento all’applicazione della pena sostitutiva del lavoro di pubblica utilità in luogo della pena  ha affermato il seguente principio di diritto: ” Qualora a norma dell’art. 186, comma 9-bis, c.d.s., il giudice disponga con decreto penale di condanna la sostituzione della pena pecuniaria con il lavoro di pubblica utilità, non è richiesto all’imputato di esprimere una manifestazione di volontà adesiva, essendo sufficiente la sua mancata opposizione, nè, qualora l’assenso sia formulato con atto scritto, questo deve essere redatto dall’imputato personalmente o dal suo difensore munito di procura speciale.”

 

 



Scarica documento