ART. 187 QUINQUIESDECIES T.U.F. – CONDOTTA DI OSTACOLO ATTIVITÀ CONSOB – CONFISCA PER EQUIVALENTE, EX ART. 187 SEXIES T.U.F. – MEZZI IMPIEGATI PER COMMETTERE IL REATO –- VIOLAZIONE DEL PRINCIPIO DI PROPORZIONALITÀ – QUESTIONI DI COSTITUZIONALITÀ – Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, Ordinanza interlocutoria n. 3831 del 16 febbraio 2018

21.02.2018

Le Sezioni Unite civili della  Corte di Cassazione con l’ Ordinanza interlocutoria n. 3831 del 16 febbraio 2018 ha affrontato due questioni ritenute rilevanti e non manifestamente infondate.

La prima riferita all’ articolo 187 quinquiesdecies T.U.F., nel testo originariamente introdotto dall’articolo 9, comma 2, lett. b), della l. n. 62 del 2005 – in relazione agli articoli 24, 111 e 117 Cost., quest’ultimo con riferimento all’articolo 6 CEDU e all’art. 14, comma 3, lett. g), del Patto internazionale sui diritti civili e politici adottato a New York il 16 dicembre 1966, reso esecutivo in Italia con la l. n. 881 del 1977, nonché in relazione agli articoli 11 e 117 Cost., con riferimento all’articolo 47 CDFUE, nella parte in cui detto articolo sanziona la condotta consistente nel non ottemperare tempestivamente alle richieste della CONSOB o nel ritardare l’esercizio delle sue funzioni anche nei confronti di colui al quale la medesima CONSOB, nell’esercizio delle sue funzioni di vigilanza, contesti un abuso di informazioni privilegiate.

La seconda all’articolo 187 sexies T.U.F., introdotto dall’articolo 9, comma 2, lett. a), della l. n. 62 del 2005 in relazione agli articoli 3, 42 e 117 Cost., quest’ultimo con riferimento all’articolo 1 del Primo Protocollo addizionale alla CEDU, nonché agli articoli 11 e 117 Cost., con riferimento agli articoli 17 e 49 CDFUE – nella parte in cui assoggetta a confisca per equivalente non soltanto il profitto dell’illecito ma anche i mezzi impiegati per commetterlo, ossia l’intero prodotto dell’illecito.

 

 



Scarica documento