DOMICILIO DICHIARATO O ELETTO DELL’IMPUTATO – ELEZIONE PRESSO IL DIFENSORE DI UFFICIO – RIFIUTO DEL DIFENSORE EX ART. 162 COMMA 4-BIS C. P. P. – OMESSA ELEZIONE DI DIVERSO DOMICILIO – NOTIFICAZIONE AL DIFENSORE EX ART. 161, COMMA 4, C. P. P. – Corte di Cassazione, seconda sezione penale, sentenza n. 27935 del 3 maggio 2019, depositata in data 25 giugno 2019

01.07.2019

La Seconda sezione della Corte di Cassazione, con la  sentenza n. 27935 del 3 maggio 2019, depositata in data 25 giugno 2019, in materia di domiciliazione dell’imputato, ha affermato che, nell’ipotesi di  rifiuto del difensore di ufficio, indicato quale domiciliatario, ( comma 4-bis dell’art. 162 cod. proc. pen., come introdotto della legge n. 103 del 2017), se l’imputato non effettui una  diversa elezione di domicilio, verrà eseguita una nuova notifica allo stesso difensore ai sensi dell’art. 161, comma 4, cod. proc. pen., poichè il rpocedimento entrerebbe in una situazione di stallo .



Scarica documento