GIUDIZIO CIVILE DI RINVIO INNANZI ALLA CORTE D’APPELLO CIVILE ex Art. 622 c.p.p. – ANNULLAMENTO DISPOSTO DALLA CORTE DI CASSAZIONE PENALE AI SOLI EFFETTI CIVILI – APPLICABILITÀ DELLA DISCIPLINA DI CUI AGLI ARTT. 392-394 C.P.C. – NESSO CAUSALE TRA CONDOTTA ED EVENTO DI DANNO – APPLICABILITÀ DEL CRITERIO CAUSALE DEL “PIÙ PROBABILE CHE NON “ – Corte di Cassazione, terza sezione civile, sentenza n. 15859 del 12 giugno 2019

24.06.2019

 

La terza sezione civile della Corte di Cassazione, con la  sentenza n. 15859 del 12 giugno 2019, sulla questione dell’efficacia del principio di diritto posto dalla Cassazione penale in tema di regole, processuali e probatorie, da applicarsi in seno al giudizio celebratosi dinanzi alla Corte di appello civile, competente per valore, in sede di rinvio, ai sensi dell’art. 622 c. p. p ..  ha affermato il seguente principio di diritto: “Nel giudizio civile di rinvio ex art. 622 c.p.p. la Corte di appello competente per valore, cui la Cassazione penale abbia rimesso il procedimento ai soli effetti civili, deve applicare le regole, processuali e probatorie, proprie del processo civile, e conseguentemente adottare, in tema di nesso eziologico tra condotta ed evento di danno, il criterio causale del “più probabile che non’~ e non quello penalistico dell’alto grado di probabilità logica e di credenza razionale, anche a prescindere dalle contrarie indicazioni eventualmente contenute nella • sentenza penale di rinvio”. 



Scarica documento