IRRAGIONEVOLE DURATA DEL GIUDIZIO – PRESUNZIONI DI INSUSSISTENZA – ART. 2, COMMA 2-SEXIES, DELLA L. N., 89 / 2001, L. 208 /2015 – APPLICABILITÀ AI SOLI GIUDIZI INTRODOTTI DOPO L’1 GENNAIO 2016 – Corte di Cassazione, seconda sezione civile, sentenza n. 25542 del 10 ottobre 2019

15.10.2019

La seconda sezione civile della Corte di Cassazione, con la  sentenza n. 25542 del 10 ottobre 2019,  sul tema della valutazione della prova in merito al pregiudizio patito per l’irragionevole durata del giudizio ha affermato che essendo contenuta nell’art. 2, comma 2-sexies, della l. n. 89 del 2001, introdotto dalla l. n. 208 del 2015, una presunzione iuris tantum di insussistenza del pregiudizio da irragionevole durata del processo , si pone una nuova disciplina della formazione e della valutazione della prova nel processo . In difetto di norme contrarie opera uno “ius superveniens”, che opera sugli effetti della domanda e, al contempo, implica un mutamento dei presupposti legali cui è condizionata la disciplina di ogni singolo caso concreto, trova applicazione nei soli giudizi introdotti dopo l’1 gennaio 2016.

 

i



Scarica documento