Acquisto “prima casa” – Agevolazione applicazione Iva – Modifica parametri ex art. 33 d.lgs. n. 175 del 2014 – Irretroattività – Dichiarazione mendace – “Abolitio criminis” – Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 13145 del 27 aprile 2022

28.04.2022

Le Sezioni Unite civili della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 13145 del 27 aprile 2022  sulla questione relativa alle agevolazioni   per l’acquisto della prima casa, e delle intervenute modifiche legislative, con rideterminazione dei criteri per ottenerne la fruizione, ha affermato il seguente principio di diritto: ”  In tema di agevolazioni per l’acquisto della prima casa, la modifica dei parametri ai quali ancorare i presupposti per il riconoscimento del beneficio, disposta, quanto all’Iva, dall’art. 33 del d.lgs. n. 21 novembre 2014 n. 175, non ha inciso retroattivamente e l’infrazione, costituita dalla dichiarazione mendace, della quale è soltanto cambiato l’oggetto, è rimasta immutata; ne consegue che non si è verificata alcuna “abolitio criminis” .



Scarica documento