Reato di maltrattamenti in famiglia – Pena accessoria della sospensione della responsabilità genitoriale – Condotte indirette verso l’atro genitore – Coinvolgimento dei minori che assistono alle violenze – Corte di Cassazione, quinta sezione penale, sentenza n. 34504 del 12 ottobre 2020, depositata in data 3 dicembre 2020

11.12.2020

La quinta sezione penale della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 34504 del 12 ottobre 2020, depositata in data 3 dicembre 2020, nella fattispecie di reato  di maltrattamenti in famiglia, ha affermato che rispondono ad un canone comportamentale abusivo della responsabilità genitoriale, e come tale suscettibile di  una applicazione della pena accessoria della sospensione,  non solamente le condotte direttamente rivolte contro i figli minori, ma anche quelle indirettamente rivolte contro di loro che, colpendo l’atro genitore, li costringono ad assistere, secondo i parametri normativi di cui all’art. 61, comma primo, n. 11-quinquies, cod. pen., ad una  violenza e sopraffazione destinati ad avere inevitabili conseguenze sulla loro crescita ed evoluzione psico-fisica.

 

 



Scarica documento