MANDATO DI ARRESTO EUROPEO – PARTECIPAZIONE PERSONALE IMPUTATO IN CASSAZIONE NEL GIUDIZIO DI IMPUGNAZIONE – IMPEDIMENTO PERSONALE – FORME EX ART. 127 COD. PROC. PEN. – RILEVANZA AI FINI DELLA RICHIESTA DI RINVIO DI UDIENZA – Corte di Cassazione, sesta sezione penale, Sentenza n. 35818 del 10 dicembre 2020, depositata in data 14 dicembre 2020

30.12.2020

La Sesta sezione penale della Corte di Cassazione con la sentenza n. 35818 del 10 dicembre 2020, depositata in data 14 dicembre 2020 ha affermato che in tema di mandato di arresto europeo e di partecipazione personale alla udienza nel giudizio di cassazione per la trattazione dell’atto di impugnazione presentato nel suo interesse, ha affermato che l’art. 22 comma 3 L. 69/2005 stabilisce che la Corte di Cassazione decide sul ricorso  “nelle forme di cui all’art. 127 cod. proc. pen.”,  per cui non è prevista una deroga alla disposizione di cui all’art. 613, comma 1,  cod. proc. pen., secondo cui nel giudizio davanti alla Corte di Cassazione  “le parti sono rappresentate dai difensori” e quindi non è prevista la partecipazione personale delle parti private e non si configura alcun rilievo pertanto per l’impedimento personale dell’imputato 

 



Scarica documento