Notai – Illecito disciplinare– Art. 147, secondo comma, legge n. 89/1913 – Sanzione destituzione – Legittimità costituzionale in riferimento Artt. 3 e 24 Cost. – Non manifesta infondatezza – Corte di Cassazione, seconda sezione civile, Ordinanza n. 27099 del 15 novembre 2017

27.11.2017

La  seconda sezione civile della Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 27099 del 15 novembre 2017, ha ritenuto  rilevante e non manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 147, secondo comma , della legge 16 febbraio  1913 n. 89, nella parte in cui prevede la sanzione disciplinare della destituzione del notaio ogni qual volta questi, dopo essere stato condannato per due volte alla sospensione per violazione del medesimo art. 147, violi nuovamente la medesima disposizione nei dieci anni successivi. in riferimento all’ art. 3 della Costituzione sia per il profilo della violazione del principio di eguaglianza che del principio di ragionevolezza, nonchè in riferimento all’art. 24 Cost. per la preclusione all’incolpato della possibilità di chiedere l’apprezzamento della condotta in concreto e applicazione della sanzione più adeguata 



Scarica documento