Pena – Annullamento parziale – Art. 624 c.p.p. – Eseguibilità pena principale irrogata rispetto a uno o più capi – Corte di Cassazione, Sezioni Unite penali, sentenza n. 3423 del 29 ottobre 2020, depositata in data 27 gennaio 2021

28.01.2021

Le Sezioni Unite penali della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 3423 del 29 ottobre 2020, depositata in data 27 gennaio 2021, sulla questione relativa alle condizioni attuative della sentenza di condanna per cui la Corte di Cassazione abbia pronunciato l’annullamento con rinvio limitatamente a profili attinenti al trattamento sanzionatorio e alle relative determinazioni in ordine alla formazione della cosa giudicata sulla affermazione di responsabilità e sulle parti che hanno connessione essenziale con la parte annullata hanno affermato il seguente principio di diritto: ” In caso di annullamento parziale (art. 624 cod. proc. pen. ), è eseguibile la pena principale irrogata in relazione a un capo (o a più capi) non in connessione essenziale con quelli attinti dall’annullamento parziale per il quale abbiano acquisito autorità di cosa giudicata l’affermazione di responsabilità, anche in relazione alle circostanze del reato, e la determinazione della pena principale, essendo questa immodificabile nel giudizio di rinvio e individuata alla stregua delle sentenze pronunciate in sede di cognizione. La Corte di Cassazione, con la sentenza rescindente o con l’ordinanza di cui all’art. 624, comma 2, cod. proc. pen. può solo dichiarare, quando occorre, quali parti della sentenza parzialmente annullata sono diventate irrevocabili“.



Scarica documento