Riparazione per ingiusta detenzione – Morte del ricorrente dopo rilascio di procura – Antecedenza alla proposizione del ricorso – Estinzione del mandato – Introduzione del giudizio da parte degli eredi – Corte di Cassazione, quarta sezione penale, sentenza n. 34366 del 25 novembre 2020, depositata in data 3 dicembre 2020

10.12.2020

La quarta sezione penale della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 34366 del 25 novembre 2020, depositata in data 3 dicembre 2020, In tema di riparazione per ingiusta detenzione,  ha affermato il seguente principio di diritto: ” Il rilascio di una procura ad litem antecedente alla  morte del ricorrente e precedente alla proposizione del ricorso per riparazione per ingiusta detenzione determina l’estinzione del mandato, potendo gli eredi iniziare il giudizio di riparazione per l’ingiusta detenzione subita dal congiunto, munendosi di apposito mandato, ma sempre nel rispetto del termine di decadenza di cui all’art. 315, co. 1, cod. proc. pen”.



Scarica documento