EQUO INDENNIZZO – PROCESSO AMMINISTRATIVO PRESUPPOSTO, PENDENTE AL 16 SETTEMBRE 2010 E NON SOGGETTO ALL’ART. 2, COMMA 1, DELLA L. N. 89 DEL 2001, (L. N. 208 / 2015) – MANCATA PRESENTAZIONE DELL’ISTANZA DI PRELIEVO – CORTE COSTITUZIONALE SENTENZA (N. 34 / 2019 ) – Corte di Cassazione, seconda sezione civile, Ordinanza n. 21959 del 2 settembre 2019

05.09.2019

La seconda sezione civile della Corte di Cassazione, con l’ Ordinanza n. 21959 del 2 settembre 2019,  con riferimento all’irragionevole durata dei processi amministrativi pendenti al 16 settembre 2010 ( e non soggetti all’art. 2, comma 1, della l. n. 89 del 2001, novellato dalla l. n. 208 del 2015), a seguito della sentenza n. 34 del 2019 della Corte Costituzionale, (dichiarativa dell’illegittimità dell’art. 54, comma 2, del d.l. n. 112 del 2008, come novellato dal d. lgs. n. 104 del 2010), ha affermato che la mancata presentazione dell’istanza di prelievo possa costituire un elemento indiziante di una sopravvenuta carenza di interesse della parte alla decisione del ricorso ed assumere pertanto rilievo ai fini della quantificazione dell’indennizzo ex lege 89/2001 , non potendo viceversa condizionare la proponibilità della correlativa domanda.

 



Scarica documento