PROCESSO AMMINISTRATIVO TELEMATICO: RIPRENDE LA SPERIMENTAZIONE

07.10.2016

Dal 10 ottobre 2016 al 30 novembre 2016 riparte la sperimentazione del Processo Amministrativo Telematico e ritorna il doppio binario.
Il Segretariato Generale della Giustizia Amministrativa ha ribadito con il “Regolamento  sulle  regole  tecnico-operative  per  l’attuazione  del il processo amministrativo telematico, concernente la  comunicazione  di avvio della sperimentazione del P.A.T. dal 10 ottobre al 30  novembre 2016”. (Decreto n. 106/2016), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.217 del 16-9-2016,  che nella fase di sperimentazione tutti i ricorsi così come tutti gli atti difensivi relativi a ricorsi introdotti nel medesimo periodo davanti ai TAR ed alle sezioni giurisdizionali del Consiglio di Stato  andranno depositati in modalità cartacea per avere valore legale ma anche OBBLIGATORIAMENTE E SENZA ALCUN VALORE LEGALE in via telematica.
Sul sito istituzionale della Giustizia Amministrativa www.giustizia-amministrativa.it sono state pubblicate le istruzioni e la modulistica relativa ai vari adempimenti connessi con l’avvio della sperimentazione e leggendo, seppure abbastanza superficialmente, la documentazione sorgono una serie di perplessità in ordine ad alcune attività da compiersi parte dei difensori nel rispetto delle regole tecniche del P.A.T. a cominciare dalla notificazione del ricorso a mezzo p.e.c. ai sensi della Legge 53 del 94. Sulle istruzioni si legge che il ricorso da notificarsi a mezzo p.e.c. (ai sensi dell’art. 3 bis della suddetta norma) deve essere sottoscritto con firma digitale in formato PADES-BES mentre la legge prescrive che l’atto debba essere sottoscritto con firma digitale o firma elettronica qualificata e le regole tecniche del processo amministrativo digitale non pare possano incidere sulla validità legale di una sottoscrizione digitale effettuata ad es. in formato CADES.
Primo quesito: un ricorso amministrativo sottoscritto in formato CADES e notificato a mezzo p.e.c. quale tipo di vizio avrebbe?

Approfondiremo sul prossimo post 

Lascia un commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento