Sequestro preventivo ex art. 321 c.p.p. comma 2 – Confisca facoltativa ex art. 240 c.p. – Motivazione sussistenza periculum in mora – Anticipazione effetto ablativo della confisca – Corte di Cassazione, Sezioni Unite penali, Sentenza n. 36959 del 24 giugno 2021, depositata in data 11 ottobre 2021

14.10.2021

Le Sezioni Unite penali della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 36959 del 24 giugno 2021, depositata in data 11 ottobre 2021, sul rilievo di un contrasto giurisprudenziale circa la sussistenza dell’obbligo di motivazione sul periculum in mora in caso di sequestro preventivo di beni finalizzato alla confisca facoltativa hanno affermato il seguente principio di diritto:  “il provvedimento di sequestro preventivo di beni ex art. 321, comma 2, cod. proc. pen., finalizzato alla confisca di cui all’art. 240 cod. pen, deve contenere la concisa motivazione anche del periculum in mora da rapportare alle ragioni che rendono necessaria l’anticipazione dell’effetto ablativo della confisca prima della definizione del giudizio, salvo restando che, nelle ipotesi di sequestro delle cose la cui fabbricazione, uso, porto, detenzione o alienazione costituisca reato, la motivazione può riguardare la sola appartenenza del bene al novero di quelli confiscabili ex lege”.



Scarica documento