Misura cautelare personale – Mancata escussione della persona offesa dal reato – Termine art. 362 comma 1-ter cod. proc. pen. – Corte di Cassazione, quinta sezione penale, Sentenza n. 11430 del 12 novembre 2020, depositata in data 24 marzo 2021

31.03.2021

La quinta sezione penale della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 11430 del 12 novembre 2020, depositata in data 24 marzo 2021, ha affermato che la mancata escussione della persona offesa dal reato nel termine di tre giorni dall’iscrizione della notizia di reato ai sensi dell’art. 362, comma 1-ter cod. proc. pen., ispirata,  come si evince dalla relazione di accompagnamento al disegno di legge, alla finalità “….di evitare che eventuali stasi, nell’acquisizione e nell’iscrizione delle notizie di reato o nello svolgimento delle indagini preliminari, possano pregiudicare la tempestività di interventi, cautelari o di prevenzione, a tutela della vittima”  tale termine accelleratorio, privo di sanzione processuale, non impedisce l’applicazione della misura cautelare personale trattandosi di termine la cui inosservanza è priva di sanzione processuale.



Scarica documento