Lavoro – Trasferimento di azienda in accertato stato di crisi aziendale ovvero in amministrazione straordinaria – Continuazione o mancata cessazione di attività – Accordo sindacale ex art. 47, comma 4-bis, l. n. 428 del 1990 – Deroghe all’art. 2112 c.c. – Corte di Cassazione, quarta sezione lavoro, sentenza n. 10414 del 1 giugno 2020

07.06.2020

La quarta sezione lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 10414 del 1 giugno 2020, ritenendo opportuno portare l’attenzione su una questione sottoposta per la prima volta all’esame della Suprema Corte relativa all’interpretazione  del comma 4-bis dell’art. 47 della legge n. 428 del 1990, ha affermato il seguente principio di diritto:  “In caso di trasferimento che riguardi aziende delle quali sia stato accertato lo stato di crisi aziendale, ai sensi dell’art. 2, quinto comma,  lettera c) della legge 12 agosto 1977  n. 675, ovvero per le quali sia stata disposta  l’amministrazione straordinaria, in caso di continuazione o di mancata cessazione dell’attività, ai sensi del decreto legislativo 8 luglio 1999, n. 270,  l’accordo sindacale di cui all’ art. 47 della l. 29 dicembre 1990, comma 4-bis, inserito dal d.l. n. 135 del 2009,  conv. in l. n. 166 del 2009, può prevedere deroghe all’art. 2112 c.c. concernenti le condizioni lavoro, fermo restando il trasferimento dei rapporti di lavoro al cessionario”.



Scarica documento