VIZIO DI CONFORMITÀ – VENDITA DI BENI DI CONSUMO – RIPARAZIONE O SOSTITUZIONE IMPOSSIBILE O ECCESSIVAMENTE ONEROSA – RISARCIMENTO DEL DANNO – Corte di Cassazione, seconda sezione civile, sentenza n. 1082 del 20 gennaio 2020

21.01.2020

La seconda sezione civile della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 1082 del 20 gennaio 2020, sulla questione della vendita di beni di consumo affetti da vizio di conformità per la quale la riparazione risulti impossibile o la sostituzione eccessivamente onerosa, va riconosciuto al consumatore, il diritto al risarcimento del danno al fine di assicurare uno standard di tutela più elevato rispetto a quello realizzato dalla Direttiva n. 44 del 1999, anche se non previsto  dall’art. 130, comma 2, cod. consumo. Per la dottrina lo scopo del risarcimento del danno è di consentire all’acquirente di trovarsi in una posizione economicamente equivalente a quella in cui si sarebbe trovato se la cosa fosse stata immune da vizi.



Scarica documento