VITTIME DEL DOVERE – SOGGETTI EQUIPARATI – ASSEGNO VITALIZIO MENSILE – DETERMINAZIONE – EQUIPARAZIONE ASSEGNO IN FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO E DELLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA – Corte Di Cassazione, Sezioni Unite civili, Sentenza n. 7761 del 27 marzo 2017

28.03.2017

Le Sezioni Unite civili della Corte di Cassazione, con la  sentenza n. 7761 del 27 marzo 2017, hanno stabilito il seguente principio di diritto: ”  l’ammontare dell’assegno vitalizio mensile previsto in favore delle vittime del dovere e dei soggetti ad esse equiparati è uguale a quello dell’analogo assegno attribuibile alle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata, essendo la legislazione primaria in materia permeata da un simile intento perequativo ed essendo tale conclusione l’unica conforme al principio di razionalità-equità di cui all’art. 3 Cost., come risulta dal “diritto vivente” rappresentato dalla costante giurisprudenza amministrativa ed ordinaria”



Scarica documento